fbpx
News

ADOZIONI: PUBBLICATI I DATI CAI SUL 1° SEMESTRE 2022

News pubblicata

La CAI, Commissione per le adozioni internazionali, ha pubblicato i dati delle adozioni internazionali realizzate nei primi sei mesi del 2022. Dati molto attesi perché rappresentano uno strumento importante non solo per le famiglie, ma anche per gli Enti autorizzati e in più in generale per tutti gli attori coinvolti nei processi di adozione internazionale.

I numeri non ci dicono tutto, ma raccontano molto. Possono rappresentare una bussola per orientarsi all’interno di un mondo complesso quale è quello delle adozioni e aiutarci a comprendere cosa sta accadendo in Italia e nel mondo e quali scenari potranno prefigurarsi nel futuro.

Da inizio gennaio al 30 giugno 2022 sono state realizzate 273 adozioni internazionali in Italia, registrando un lieve aumento rispetto alle 245 dello scorso anno nello stesso periodo e a fronte di 220 nel 2020. Nel 2019, prima della pandemia, erano state 458.

Daniela Russo, Responsabile adozioni di CIAI -primo ente italiano ad essersi occupato di adozione internazionale nel nostro Paese- così commenta: “I dati pubblicati confermano una situazione critica influenzata da diversi fattori: gli effetti della pandemia covid-19, l’impatto del conflitto bellico in Ucraina, la sospensione e/o chiusura delle adozioni in alcuni Paesi e l’aumento in altri dell’adozione nazionale.” Non bisogna poi dimenticare il crescente numero di bambini con “bisogni speciali” segnalati dalle autorità straniere; si tratta di bambini di età superiore ai 7 anni, fratrie numerose, bambini con problematiche sanitarie di varia entità o con vissuti di esperienze traumatiche come maltrattamento e abuso – per i quali non corrisponde un altrettanto numero di coppie pronte ad accoglierli.

Attualmente hanno in corso una procedura di adozione internazionale presso un ente autorizzato 2675 famiglie italiane. Ci sono Paesi che vedono anche centinaia di coppie italiane in attesa a fronte di poche decine di adozioni realizzate. In una situazione così è chiaro che i tempi per la realizzazione del progetto di adozione si sono sensibilmente allungati per tutti.

E’ un quadro preoccupante che apre grandi interrogativi e ci pone di fronte a sfide importanti, prosegue Daniela Russo. L’adozione resta una valida risposta per assicurare il diritto ad una famiglia a molti bambini in stato di abbandono e sono tante le famiglie italiane che si aprono a questa scelta di genitorialità, tuttavia crediamo sia necessario lavorare a fianco delle famiglie portando avanti percorsi di adozione di qualità, che mettano al centro i bisogni dei bambini segnalati per l’adozione internazionale e garantiscano alle coppie interventi di accompagnamento, preparazione e supporto competenti durante le diverse fasi della procedura e anche dopo l’inserimento del bambino in famiglia.”

E’ sulla base di una lunga esperienza che CIAI, attraverso le parole del suo Presidente Paolo Limonta, sostiene che: “Il rilancio del sistema adozioni non può porsi unicamente l’obiettivo di una crescita dei numeri, ma crediamo debba essere inteso innanzitutto come la volontà di investire in questo campo attraverso azioni sinergiche tra tutti gli attori istituzionali coinvolti, intensificando le relazioni con i paesi esteri e rafforzando le competenze di quanti operano a fianco di minori e famiglie perché si realizzino adozioni in cui genitori e figli possano essere felici”.

LEGGI QUI IL REPORT INTEGRALE DELLA CAI

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Naviga nel portale
Utility

CIAI
Via Bordighera 6
20142 MILANO
Tel 02 848441 fax 02 8467715
info@ciai.it