fbpx
News

DAD, un anno dopo: cosa pensano gli italiani?

News pubblicata
Categoria: #tu6scuola

DAD promossa o bocciata? A un anno dal suo ingresso ‘prepotente’ nella vita di tutti, 7 italiani su 10 bocciano la didattica a distanza (DAD) a favore della scuola in presenza e del suo ruolo educativo, fatto di socialità, contatto, relazioni. Pur valutandone la necessità in un contesto di emergenza, questo tipo di didattica non è ritenuto adatto alla crescita e allo sviluppo di bambini e ragazzi.

Il sondaggio, con focus sui genitori con figli in età scolare (5-17 anni) e insegnanti, è stato promosso da Con i Bambini e realizzato da Demopolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Dal 15 marzo, con oltre la metà delle regioni italiane in rosso e la chiusura di tutti gli istituti di ogni ordine e grado, oltre 7 milioni di studenti sono rimasti a casa proseguendo la scuola con la didattica a distanza. Una situazione che si è aggiunta alla precedente realtà: circa 5,7 milioni di ragazzi e ragazze erano già in DAD.

Tra i problemi segnalati e emersi con maggiore frequenza la distrazione degli studenti durante le lezioni (73%) cui fa seguito la situazione emotiva e psicologica dei ragazzi, provati da limitazioni sociali – dalle amicizie allo sport (63%); difficoltà o carenze tecnologiche in famiglia sono al terzo posto dei problemi evidenziati (51%).

La gran parte degli italiani – 7 italiani su 10 – si è poi dimostrata favorevole alle proposte di prolungare l’apertura delle scuole in estate, per dare la possibilità a ragazze e ragazzi di recuperare la socialità  e svolgere attività all’aperto (lavoratori, sport, attività creative e artistiche): un progetto ancora in fase di valutazione in quanto a effettiva possibilità di attuazione, anche per la partecipazione e presenza di insegnanti. Emerge tuttavia in modo chiaro un concetto alla base dei progetti come #tu6scuola:  il ruolo fondamentale della comunità educante nella crescita dei giovani, come evidenziato lo scorso 3 marzo in occasione del primo Tavolo Nazionale sulla comunità educante promosso dal partner di progetto Centro Studi Villa Montesca.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp