fbpx

Progetto

PRISMI

Percorsi e Relazioni per l'Inclusione nel Sud Milano

Area d'azione: Povertà Educativa
Progetto in corso
Iniziato nel Settembre 2022
Italia
Lombardia
È l’impegno continuativo di sostenere un gruppo di bambini e bambine a rischio di abbandono scolastico, tra i 6 e i 13 anni, all’interno di un Presidio Educativo Territoriale CIAI.
Effettua una libera donazione per sostenere questo progetto.

img

Come il prisma permette di scomporre la luce nei colori che la costituiscono, così il progetto fa emergere le differenze, le competenze e i talenti personali, che, se riconosciuti e coltivati, permettono ai ragazzi e alle ragazze di brillare.

In Italia sono ancora alti i dati relativi a dispersione e abbandono scolastico. La causa principale di questi fenomeni è la povertà educativa, figlia da un lato della povertà economica e di fragilità educative, dall’altro di una scarsa consapevolezza, da parte dei ragazzi e delle ragazze, dei bambini e delle bambine, riguardo al proprio percorso scolastico.

Si tratta di una vera e propria emergenza che può avere conseguenze drammatiche non solo per i giovani, ma per il futuro stesso del nostro Paese.

PRISMI è un progetto biennale di contrasto alla povertà educativa, che si articola in una serie integrata di azioni rivolte agli studenti e alle studentesse della scuola secondaria di primo grado e ultimi anni della primaria, al corpo docente, alle famiglie e alle comunità territoriali.

Il modello educativo proposto comprende attività laboratoriali artistico-espressive, supporto didattico, orientamento per ragazzi e famiglie, supporto mirato alle fragilità.

Tale modello viene attuato in 3 istituti milanesi partner di progetto, ma si presta a essere replicato, in toto o in parte, anche in altri territori

Gli anni chiave: la scuola secondaria di primo grado

Le ricerche confermano la crucialità degli anni della scuola media ed è appunto su di essa che il progetto si focalizza, estendendo le azioni anche agli ultimi anni della scuola primaria e dedicando una particolare attenzione ai passaggi di ciclo che la precedono e la seguono.

PRISMI si propone di offrire ai ragazzi e alle ragazze opportunità per riconoscere e potenziare le proprie risorse e competenze personali, cognitive e non cognitive, offrendo contemporaneamente un sostegno didattico e psico-educativo mirato ai soggetti più fragili.

In questo modo intende permettere loro di acquisire un bagaglio solido di conoscenza, esperienze, relazioni e fiducia che li renda pronti per affrontare non solo le scelte scolastiche, ma in generale quelle della vita.

PRISMI promuove un modello di scuola equa, di qualità e inclusiva. Una scuola che metta al centro i ragazzi e le ragazze, tutelati e guidati da figure educative formali e informali, supportati dalle famiglie e aiutati in caso di fragilità.

Gli ingredienti di PRISMI

  • Protagonismo dei giovani, con le loro aspirazioni, opinioni e potenzialità
  • Relazioni attive tra la scuola, cuore del territorio e della vita dei ragazzi, e la comunità educante territoriale
  • Attenzione ai bisogni specifici degli studenti e studentesse fragili

Le 9 azioni di progetto

Fino a 40 ore di formazione per 60 docenti in particolare sui temi dell’inclusione scolastica e della didattica orientativa.

Percorsi di orientamento per studenti, affiancamento individuale per oltre 400 alunni e alunne, momenti formativi per genitori, sempre guidati da pedagogisti e psicologi esperti.

Percorsi laboratoriali di potenziamento e recupero nelle competenze logico-matematiche per circa 700 studenti e studentesse, con attività in classe e dotazioni tecnologiche, percorsi specifici per chi ha più fragilità e un’attenzione particolare alla didattica di genere.

Supporto mirato per circa 160 studenti e studentesse con fragilità, attraverso il lavoro per piccoli gruppi ed esperienze laboratoriali all’interno del Presidio Educativo pomeridiano attivato nella scuola.

Percorsi rivolti a circa 320 bambini e bambine della scuola primaria, con l’obiettivo di rafforzare l’autostima, la percezione di sé, la gestione delle emozioni.

Percorsi per alunni e alunne di V primaria e I secondaria con fragilità, condotti da psicologi e pedagogisti, focalizzati sulle relazioni nei gruppi e sull’emersione della personalità.

Laboratori ispirati alla pratica del Poetry Slam condotti da performer e operatori professionisti, finalizzati al potenziamento delle capacità espressive e relazionali.

L’esperienza della produzione di un documentario per scoprire e raccontare il proprio quartiere, esprimendo opinioni, aspettative e idee.

Attività per far prendere consapevolezza di sé alla Comunità Educante locale e per stimolare l’attivazione, la collaborazione e la partecipazione attiva dei vari attori (educazione formale, non formale, informale)

I presidi educativi

Si inserisce nel progetto PRISMI anche il lavoro dei Presidi Educativi Territoriali, che CIAI sostiene attraverso il programma SÈI – Sostegno Educativo in Italia.

Si tratta di Centri attivi all’interno della scuola due giorni alla settimana in orario extrascolastico, dove uno staff composto da educatori ed educatrici, operatori artistici e personale specializzato segue in modo mirato gli alunni e le alunne segnalati dai docenti come fragili.

Nei Presidi Educativi si svolgono attività di aiuto nei compiti e sostegno allo studio, svolte in piccoli gruppi, alternate ad attività di didattica informale quali giochi e laboratori artistico-espressivi e psico-educativi, per il potenziamento delle competenze non cognitive e relazionali.

i Presidi sono spazi fisici, ma anche relazionali, il cui lavoro è orientato a migliorare non solo il rendimento scolastico dei ragazzi e delle ragazze più a rischio, ma prima di tutto il loro benessere emotivo, la motivazione e l’autostima.

Nell’ambito di PRISMI sono stati attivati tre Presidi Educativi presso gli Istituti Comprensivi Sottocorno, Filzi e Capponi.

I numeri di PRISMI

0
studenti e studentesse coinvolti
0
Docenti destinatari di formazione
0
ore
di supporto scolastico
0
Genitori destinatari di orientamento

[Foto: Max Fischer – pexels.com]